Metodi di replica degli ETF a colpo d’occhio

Come fa un ETF a replica il suo indice

Lo scopo degli ETF è quello di riuscire a replicare nel modo migliore ed economico possibile l’indice da loro seguito e al contempo l’investitore percepisce tutti gli introiti derivanti dagli strumenti finanziari compresi nel sottostante indice. Pertanto, l’investitore in ETF partecipa alla distribuzione dei dividendi e degli interessi derivanti dagli ETF.

Sono emersi diversi metodi di replica di un indice. Il metodo classico è rappresentato dalla replica fisica.  Quando l’ETF detiene direttamente tutti gli strumenti finanziari dell’indice, il metodo di replica viene definito come replica totale.

Tuttavia non è sempre possibile effettuare una replica totale. Pertanto, nel corso del tempo sono emerse altre procedure per poter replicare un indice. Gli ETF a replica totale presentano i loro limiti soprattutto nel caso di indici di mercati internazionali o illiquidi o molto ampi. Gli indici di mercato ampi vengono principalmente replicati con metodi di ottimizzazione assistitati da computer che richiedono meno strumenti finanziari rispetto all’indice originario per poterne replicare la performance (campionamento).

La replica sintetica consente agli investitori in ETF di investire in nuovi mercati e classi di investimento. In particolar modo, sono stati i costi, le implicazioni fiscali e la qualità della replica che hanno comportato lo sviluppo di questo metodo di replica. Gli ETF sintetici sono in grado di replicare alcuni indici in modo più efficiente, soprattutto tramite gli swap. Con gli ETF swap si ha l’accesso all’investimento in classi di attività, materie prime e mercato monetario.

La seguente tabella mostra il confronto tra i vari metodi di replica.

 

Confronto tra i metodi di replica degli ETF

  Fisica Sintetica
Metodo di replica Replica totale Campionamento Basata su swap
Descrizione L’indice viene replicato con
un rapporto 1 a 1
L’ETF detiene un sottoinsieme di strumenti finanziari L’indice replica l’indice utilizzando strumenti finanziari derivati (swap)
Sottostante Azioni, Obbligazioni Azioni, Obbligazioni Azioni, Obbligazioni, Materie Prime, Mercato Monetario (EONIA, ecc.), Indice a breve scadenza e a leva
Caratteristiche peculiari dei
componenti dell’indice
Strumenti liquidi Strumenti illiquidi Strumenti liquidi e illiquidi Limiti di investimento (limiti di negoziazione, tassazione), Diversi fusi orari
Numerosità
degli strumenti dell’indice
Bassa Alta Da bassa ad alta
Esempi di indici FTSE 100, Eurostoxx 50,
Dow Jones 30
MSCI World, MSCI Emerging Markets MSCI World, MSCI Emerging Markets, Eurostoxx 50, Commodities indices, Short FTSE 100, Leveraged FTSE 100