Quali tipologie di ETF settoriali sono disponibili?

justETF.com

Come sempre quando parliamo di ETF è importante conoscere gli indici replicati dagli ETF settoriali al fine di comprendere cosa stiamo acquistando.

Quali tipologie di ETF settoriali sono disponibili? Gli investitori possono optare per l' investimento in ETF settoriali per costruire i loro portafogli in modo diverso dal più tradizionale metodo geografico tradizionale o per provare a trarre profitto dal ciclo economico scommettendo sui settori che si pensa possano registrare performance extra e sottostimando quelli lenti.

Qualsiasi siano i motivi della scelta degli ETF settoriali, è di vitale importanza comprendere come sono investiti che, come sempre per quanto riguarda gli ETF, ciò significa capire gli indici che vengono replicati dalle posizioni sottostanti dell'ETF settoriale e come questi indici classificano le decine di migliaia di titoli azionari investibili disponibili nei diversi settori.

 

Due schemi di classificazione settoriale

I principali fornitori di indici settoriali, l'MSCI e lo STOXX Limited, basano i loro indici su uno dei due diversi schemi di classificazione settoriali riconosciuti a livello internazionale:
 
  • Lo Global Industry Classification Scheme (GICS), che dividi i 51.000 titoli in 10 settori, 24 gruppi industriali, 67 industrie e 156 sotto-industrie.
  • Lo Industry Classification Benchmark (ICB), che classifica 75.000 titoli in 10 industrie, 19 macro settori, 41 settori e 114 sotto-settori.

Classificazione GICS vs ICB a colpo d'occhio

Classificazione GICS vs ICB a colpo d'occhio
Fonte: MSCI; ICB Benchmark; luglio 2015
   
Lo STOXX limited utilizza il sistema ICB come base per i suoi indici mentre l'MSCI e l'S&P utilizzano il GICS.

 

Come funzionano gli schemi di classificazione settoriale

Entrambi gli schemi si basano su una gerarchia di raggruppamento dalla classificazione di ampi settori giù fino alle nicchie più particolari.
 
Potete pensare a questi schemi come alla classificazione dei regni animali in famiglie, generi, specie e così via.

Per esempio, le società (ad esempio i titoli azionari) che generano la maggior parte dei loro ricavi dalle operazioni aerospaziali nello schema ICB vengono inserite...
 
  • ...nel sotto settore aerospaziale
  • ...che fa parte del settore aerospaziale e difesa
  • ...che fa parte del macro settore beni e servizi industriali
  • ...che rientra nel settore industriale
Sebbene il sistema GICS è molto simile, anche se non proprio uguale, esso ha diversi nomi delle categorie. Pertanto ciò può comportare una certa confusione tra gli investitori.

Potete notare che il livello più alto del sistema GICS è il "Settore" che corrisponde al terzo livello della gerarchia del sistema ICB. Ciò nonostante esse sono solo delle etichette, il livello "Industria" del sistema ICB corrisponde funzionalmente al livello "Settore" del sistema GICS.
 
Ovviamente i giornalisti, inclusi noi, utilizzano la parola "settore" per riferirsi a tutte le diverse tipologie di classificazione industriale, non solo per riferirsi allo specifico significato del metodo GICS o ICB.
 

Confronto tra i principali settori/industrie del GICS e dell'ICB

GICS ICB Filtra per ETF
Energia Petrolio e Gas Naturale Mostra ETF
Materiali Chimica e Materie prime Mostra ETF
Salute Salute Mostra ETF
Industria Industria Mostra ETF
Finanza Finanza Mostra ETF
Informatica Tecnologia Mostra ETF
Servizi di telecomunicazione Telecomunicazioni Mostra ETF
Servizi di pubblica utilità Servizi Pubblici Mostra ETF
Beni di prima necessita' Beni di Consumo Mostra ETF
Beni voluttuari Servizi al Consumo Mostra ETF

 

Tra le nuvole

Nonostante i due schemi di classificazione sembrano essere superficialmente piuttosto simili, ci sono delle differenze reali tra di loro se si scava in profondità e si comprende come classificano determinate industrie e dove tali industrie vengono poste nei rispetti schemi di raggruppamento.
 
  • Per esempio, l'ICB posiziona le compagnie aeree nel suo settore Viaggi e Tempo Libero.
  • Per contro, il sistema GICS posiziona le compagnie aeree nella sua categoria industria aeronautica che fa parte del raggruppamento industriale trasporti.
Con ciò non si vuole dire che una classificazione è migliore dell'altra e non possiamo qui indagare tutte le differenze tra i due schemi.
 
Vogliamo piuttosto sottolineare perchè dobbiamo effettuare una meticolosa ricerca degli ETF prima di acquistarli al fine di esser sicuri di avere un'esposizione sulla performance della tipologia di titoli azionari che si sta cercando.
 
 

Settori, regioni ed ETF ottimizzati

In parole semplici, mentre da un alto è importante conoscere i livelli più specifici delle gerarchie di classificazione settoriale sono importanti, con gli ETF si può investire solo sui livelli più alti del GICS e dell'ICB.
 
Si veda la sottostante tabella per avere una panoramica di ciò che è attualmente è disponibile.
 
Un'ulteriore grinza è il fatto che gli ETF settoriali sono regionali o globali.
 
Per esempio, db X-trackers ha ETF settoriali che si focalizzano sull'indice base MSCI Emerging Markets e sull'MSCI World.
 
Date di nuovo uno sguardo alla tabella sottostante.
 
Ci sono anche ETF settoriali che replicano le versioni "ottimizzate" e "coperte" di determinati indici.
 
Per esempio, Source offre ETF settoriali che si basano sull'indice ottimizzato STOXX Europe 600 optimized.
 
Gli ETF che replicano questi indici ottimizzati possono offrire i benefici della gestione rischi rispetto agli ETF che replicano indici tradizionali in quanto limitano l'esposizione totale del fondo su ogni singola società.
 
Gli investitori possono anche preferirli per la potenziale maggior liquidità delle posizioni sottostanti.

 

Trova il giusto ETF settoriale

Lo strumento di ricerca di JustETF vi potrà aiutare a trovare l'ETF più idoneo ai vostri bisogni.

Potete utilizzare il filtro a tendina per ricercare gli ETF in base al settore e restringere ulteriormente la vostra ricerca in base alla regione o al paese.
 
Potete poi cercare diversi ETF quotati in base a quale indice viene replicato e pertanto in base a quale schema di classificazione viene utilizzato.
 
Ci sono anche utili link alle schede informative degli ETF che vi daranno maggiori informazioni su come l'ETF viene investito e, ove applicabile sulle principali posizioni detenute.
 
Questa ricerca vi permette di esser sicuri di acquistare il giusto prodotto per i vostri bisogni.
 

Panoramica su una gamma di ETF settoriali

Regione Indice base Settori d'investimento dell'indice base degli ETF Fornitore
degli ETF
Costi
Mercati sviluppati MSCI World 10 db X-trackers, Lyxor, Amundi 0,35% - 0,45%
Mercati emergenti MSCI Emerging markets 10 db X-trackers 0,65%
Europa STOXX Europe 600 10 + 8 sotto settori db X-trackers, iShares, Lyxor 0,30%- 0,50%
Europa STOXX Europe 600 Optimised 10 + 8 sotto settori Source 0,30%
Europa MSCI Europe 10 + 2 sotto settori SPDR, Amundi 0,25% - 0,30%
Stati Uniti S&P Select Sector Capped 20% 9 Lyxor, Source 0,20% - 0,30%
Cina CSI 300 7 + 2 sotto settori db X-trackers 0,50%
Asia MSCI AC Asia Ex Japan 2 Lyxor 0,65%

Fonte: justETF.com; Al 16/07/15