Un’introduzione sull’investimento socialmente responsabile (SRI) in ETF

justETF.com

Le nostre preferenze di portafoglio sono in grado di avere la forza di avere un impatto positivo non solo sul nostro patrimonio personale ma anche sull’ambiente e la società? Gli investitori socialmente responsabili ci credono...

Un’introduzione sull’investimento socialmente responsabile (SRI) in ETF Se vi piace l’idea di allineare i vostri investimenti ai vostri valori, vi consigliamo di dare un’occhiata agli ETF socialmente responsabili (SRI).

Gli indici sull’investimento socialmente responsabile replicano quelle società che hanno un approccio positivo verso le problematiche ambientali, sociale e di governance aziendale (ESG). Ciò può significare qualsiasi cosa, dalle società che producono tecnologia verde o che gestiscono attivamente la loro impronta ecologica alla preferenza di società che promuovono pratiche aziendali etiche e sostenibili. Gli indici sull’investimento socialmente responsabile (SRI) tendono anche a escludere i cosiddetti titoli azionari di società “malate”, tra cui società coinvolte nella produzione di alcol, tabacco, armi, giochi d’azzardo, pornografia, combustibili fossili ed energia nucleare.

Nonostante l’investimento socialmente responsabile sia un settore in forte crescita, l’idea di influenzare la società tramite l’investimento non è poi così nuova.

 

Investire in società buone

I Quarters sono spesso citati come i primi investitori socialmente responsabili dopo che hanno vietato ai lori membri di trarre profitto dal traffico di schiavi nel 18esimo secolo. Ma anche altre organizzazioni religiose si sono preoccupate del profitto derivante da attività poco consone ai propri valori ed hanno sempre predicato di evitare di operare in alcuni settori come ad esempio alcol e armi.

La rivoluzione sociale e la crescente attenzione nei confronti dei diritti umani delle Nazioni Unite ha accelerato gli sviluppi negli anni 60’ e 70’. I primi indici azionari con linee guida etiche sono stati costruiti negli anni 90’. Le pratiche di investimento sostenibile hanno ricevuto una ulteriore accelerata con i Principi dell’Investimento Responsabile e la associazione non-profit associata UNPRI. Oggi, numerosi investitori istituzionali e società di investimento sono membri dell’iniziativa delle Nazioni Unite lanciata dal Segretario Generale Kofi Annan nel 2007.

Il settore dell’investimento socialmente responsabile (SRI) è sorto sin da quando sempre più fondi hanno avuto richieste dagli investitori di indirizzare i propri risparmi verso tematiche verdi come l’energia o l'acqua pulita e, sempre più verso l’ampio mercato degli ETF socialmente responsabili. Gli investitori europei pongono sempre maggiore attenzione nei confronti di ETF sostenibili rispetto ad investitori di altre regioni del mondo: circa il 60% di tutti i fondi investiti in ETF sostenibili provengono dall’Europa.

Sin dall’inizio del 2020, 23 miliardi di Euro sono stati investiti esclusivamente in ETF sostenibili, mentre tante altre strategie di investimento hanno subito significativi deflussi. Come risultato, i fondi investiti attraverso l’Europa sono cresciuti di 52 miliardi di Euro in oltre 300 ETF azionari ed obbligazionari. 

Questa cifra non può che aumentare in quanto diversi operatori di mercato credono che le società ESG hanno maggiori possibilità di riuscire ad affrontare le sfide del futuro, come ad esempio fondi pensionistici che riducono l'esposizione verso le società che producono combustibili fossili, per esempio. Inoltre è provato che anche la generazione dei millennial e le donne sono sempre più interessati al tema dell’investimento socialmente responsabile (SRI). Morgan Stanley ha scoperto che il 70% delle donne e 84% dei millennial ritenevano che i fattori ambientali, sociali e di governance (ESG) sono fattori molto importanti per le proprie scelte d’investimento.

 

La performance dell’investimento socialmente responsabile

Ma l’investimento socialmente responsabile è troppo bello per essere vero? Dovrete andare contro i vostri principi in virtù della performance?

Diversi studi hanno esaminato a fondo queste questioni e hanno concluso che i fondi socialmente responsabili performano ampiamente alla pari delle controparti tradizionali e possono anche batterle.

Ma di quanto il buono trionfa sul cattivo? Le società sensibili ai fattori sociali, ambientali e di governance operano spesso in modo molto efficiente. Ciò si traduce in migliori flussi di cassa, un costo del capitale più basso e in ultimo una performance superiore. Tali società si posizionano anche meglio in quanto si avvantaggiano delle opportunità offerte da pratiche aziendali sostenibili.

 

MSCI Europe SRI versus MSCI Europe

MSCI Europe SRI versus MSCI Europe
Fonte: Ricerca di justETF; al 31.08.2020

Nell’esempio qui sopra, l’ETF sull’indice MSCI Europe SRI ha significativamente sovraperformato l’ETF sull’indice MSCI Europe negli ultimi tre anni. Ciò dimostra che gli indici SRI possono fare molto sia per la vostra coscienza che per il vostro portafoglio ETF.

 

Come operano gli indici socialmente responsabili?

Vi sono numerosi indici socialmente responsabile e pertanto è importante assicurarsi che l’ETF prescelto replichi l’indice che rispecchia i vostri valori.

Un indice socialmente responsabile all’inizio è spesso un clone di un indice molto noto come l’MSCI World. Le società che non rispettano i principi definiti dall’indice vengono escluse. L’MSCI World SRI esclude le società che operano in una delle seguenti attività:
  • alcol
  • giochi d’azzardo
  • tabacco
  • armi ad uso militare
  • armi ad uso civile
  • intrattenimento per adulti
  • organismi geneticamente modificati
  • carbone da centrali
Molte società sono conglomerati pertanto le società che ricevono il cartellino rosso sono quelle i cui ricavi derivanti da queste attività superano una certa soglia o quelle che sono sostanzialmente coinvolte in tali attività in qualità di produttore, fornitore o distributore.

Pertanto alcuni indici attribuiscono un peso superiore ai titoli azionari virtuosi che hanno un elevato punteggio in base ai criteri ESG come forti pratiche ambientali, rispetto per i diritti umani e positive relazioni con i dipendenti.

Questo processo di valutazione e selezione fa in modo che gli indici socialmente responsabili tendono ad essere più concentrati rispetti alla loro copia amorale. L’MSCI Europe ha 435 componenti mentre l’MSCI Europe SRI ne ha solo 114 (al 31/08/2020).

Tuttavia alcuni indici compensano la cosa mantenendo le caratteristiche geografiche e il profilo di rischio/rendimento della loro copia amorale.

Come potrete già sospettare, l’MSCI è la famiglia di indici predominante all’interno dell’investimento socialmente responsabile, sebbene ne esistono anche altre, ognuna col proprio codice morale:

 

Focus morale degli indici SRI

Moral focus of SRI indices
*successiva esclusione dal sotto indice 
Fonte: Ricerca justETF; al 31.08.2020
 

La selezione dell’ETF socialmente responsabile

Le scelte naturali sono quelle vincenti in quanto la popolarità degli ETF socialmente responsabili è in forte crescita. Potete investire responsabilmente in un ETF SRI globale, in diverse regioni come i mercati emergenti, in singoli paesi o in settori sostenibili come l'energia pulita. Potete anche investire in principi religiosi come con l’ETF iShares MSCI World Islamic.

L’ultima cosa da sapere prima di tirare a lucido la vostra aureola è il fatto che molti ETF socialmente responsabili possiedono un ammontare relativamente piccolo di attività in gestione. Gli ETF che non riescono a crescere in termini di dimensione rischiano di esser chiusi per sempre da parte dei loro fornitori e ciò potrebbe comportare la vostra uscita dal mercato finché non sarete in grado di redistribuire il vostro patrimonio. Tuttavia, il mercato ora offre un numero sufficiente di tanti ETF azionari sostenibili con una storia relativa.

Per cercare gli ETF socialmente responsabili cercate Ricerca di justETF utilizzando il filtro sociale/ambientale.
 
Il nostro consiglio: Siete interessati a investimenti tematici come acqua, elettromobilità e energie rinnovabili? Allora date un’occhiata alle nuove guide agli investimenti.
 

ETF sulle obbligazioni verdi

In aggiunta agli ormai stabiliti ETF azionari sostenibili, un numero sempre maggiore di ETF sulle obbligazioni verdi stanno entrando nel mercato. Cosi come accaduto con gli ETF azionari sostenibili, le società e in parte i titoli sovrani dietro lo strumento finanziario sono rivisti, selezionati o esclusi sulla base di criteri di sostenibilità. 
 
La metodologia è simile a quella utilizzata per valutare gli emittenti azionari. MSCI, il leader di mercato per gli indici azionari, coopera con Bloomberg Barclays, un altro noto fornitore di indici obbligazionari.