Come attuare la strategia core-satellite con gli ETF

justETF.com

La strategia core-satellite rafforza un portafoglio compra e tieni con classi di attività “satellite” esotiche che offrono l’opportunità di migliorare i rendimenti corretti per il rischio. La strategia consente agli investitori perspicaci di sfruttare l’idea che i mercati non sono sempre efficienti tramite le straordinario opportunità offerte da mercati di nicchia.

Come attuare la strategia core-satellite con gli ETF L’investimento core-satellite è la migliore strategia dei due mondi che ha scopo di migliorare la  performance e la diversificazione mantenendo bassi costi e volatilità. La strategia si basa su due elementi complementari: un elemento “core” e gli elementi satellite. A livello visivo la strategia sembra come un pianete circondato delle proprie lune.

La posizione core è data dalla classica combinazione Compra e tieni come un ETF sull'azionario globale e un ETF su titoli di stato nazionali. Ciò assicura che il paniere del vostro portafoglio sia ampiamente diversificato a basso costo e con classi di attività a bassa correlazione che può essere ponderata in modo da soddisfare la propria propensione al rischio.

I satelliti sono ETF specializzati che vi consentono di diversificare ulteriormente investendo in altri mercati che offrono rendimenti corretti per il rischio più elevati o mercati che non sono correlati con la parte core, o che offrono buone performance in condizioni di mercato difficili o qualche parte di queste tre virtù. Si consiglia di consultare idonei ETF satellite qui sotto.

La strategia core-satellite è stata sviluppata da due economisti americani, Fischer Black e Jack Treynor. Essi hanno preso spunto dalla teoria sull'efficienza dei mercati sviluppata da Eugene Fama. Questa teoria sostiene che in un mercato efficiente tutte le informazioni relative ad uno strumento finanziario quotato sono state già incorporate nel prezzo. Ad esempio, in un mercato efficiente non c’è alcun motivo per vendere i titoli azionari su petrolio e gas per evitare la decarbonizzazione. Se la teoria sull'efficienza dei mercato è corretta, il prezzo di questi titoli azionari ha già incorporato le informazioni pubblicamente note. Pertanto, i sostenitori della teoria sull'efficienza dei mercato sostengono che è impossibile battere il mercato (a meno che non si decida di assumere dei rischi) e quindi rifiutano la gestione attiva.

Inoltre, Black e Treynor scoprirono che alcuni titoli azionari possono generare rendimenti aggiuntivi, un concetto che sta al centro della strategia core-satellite. La parte core del portafoglio riflette il fatto che i mercati più ampi e grandi sono anche più efficienti ed estremamente difficili da battere. La parte satellite, per contro, consente agli investitori di sfruttare i mercato meno efficienti e di agire nel momento in cui il sentiment allontana i prezzi dal valore equo nel medio-breve periodo.

Nonostante, in teoria, l’investimento consenta agli investitori di minare le eccezioni che provano la regola dell'efficienza dei mercati, è stato eccezionalmente difficile seguire tale strategia quando negli anni ‘70 Black e Treynor hanno cercato di attuarla. Tuttavia, ciò che è cambiato con la comparsa degli ETF è il fatto che gli ETF forniscono un'esposizione liquida ed economica ai mercati di nicchia.

 

Costruire un portafoglio di ETF core-satellite

La regola comune è 80% core e 20% satellite. La parte core viene investita in base alla strategia Compra e tieni per un’orizzonte temporale di lungo periodo. L’utilizzo di un ETF sull'azionario globale e un ETF su titoli di stato nazionali (o ETF su titoli di stato globali con copertura valutaria in €) è un ottimo elemento coro che massimizza la diversificazione, minimizza la volatilità e agevola il ribilanciamento.
  Core-satellite concetto e esempio
Fonte: justETF
 
Il ruolo dei satelliti è quello di essere un complemento della parte core con posizioni di investimento di breve termine che potenzialmente offrono rendimenti più elevati o anche una maggiore diversificazione con l’aggiunta di classi di attività non correlate.

Black e Treynor utilizzarono i dati storici per giustificare la ponderazione della parte satellite in classi di attività con potenziali rendimenti più elevati. Tuttavia è altrettanto razionale ponderare in egual modo i propri satelliti dato che la performance passata non è garanzia di rendimenti futuri.
 
Come opera la strategia Compra e tieni

Come opera la strategia Compra e tieni

Scopri la nostra facile e veloce guida sulla migliore strategia per investitori di lungo termine.
Scopri di più sulla strategia Compra e tieni
 

ETF satellite idonei

Il successo della strategia core-satellite rispetto al semplice portafoglio Compra e tieni risiede nella selezione degli elementi satellite. Le seguenti categorie di ETF sono un buon punto di partenza per la ricerca di ETF satelliti idonei:
  Queste categoria vi consentono di trovare facilmente le classi di attività che possono diversificare il portafoglio andando oltre alla parte core. Ad esempio:
 
  • L’oro ha storicamente registrato buone performance quando le condizioni economiche hanno danneggiato l'azionario e l’obbligazionario e è tradizionalmente non correlato con queste due tipologie di strumenti finanziari.
  • Le obbligazioni indicizzate all’inflazione possono performance bene in caso di elevati tassi di inflazione.
  • Gli ETF fattoriali convergono verso l’azionario con rendimenti attesi che potrebbero battere il mercato.
  • Gli ETF sui mercati emergenti e di frontiera forniscono un’esposizione verso economie che stanno crescendo molto rapidamente.
La nostra pagina Elenco di ETF a colpo d’occhio vi consente di espandere ulteriormente il vostro paniere.

Tuttavia bisogna esser cauti: solitamente con la strategica core-satellite è sempre meglio evitare gli ETF a leva e gli ETF che effettuano vendite allo scoperto. Questi ETF sono idonei solamente per investitori che sono certi di essere in gradi di negoziare su tendenze fortemente a breve termine (si parla di giorni, non di mesi o anni). Questi meccanismi inusuali di tali ETF possono generare forti perdite in orizzonte di lungo termine se non si gestiscono in modo appropriato.
 
 

É necessario effettuare una valutazione di mercato

L’allocazione satellite dipende dalla vostra:
 
1.  Valutazione strategica di mercato
2.  Strategia di market timing

La valutazione strategica di mercato vi consente di identificare le tendenze che potete sfruttare con un appropriato ETF. Ad esempio, potete ritenere che un Paese specifico sia sottovalutato a causa della recente instabilità politica o che il nuovo governo possa molto probabilmente spingere al cambiamento delle condizioni economiche nel corso dei prossimi anni. Oppure potete anche avere una vostra personale opinione sulle modifiche apportate al regime fiscale, sui cambiamenti della politica della banca centrale o sulle prospettive del commercio internazionale. Inoltre, anche la comparsa di nuove tecnologie o le grandi variazioni regolamentari possono modificare le prospettive di settori di nicchia come per gli ETF su robotica, energia ecologica, cripto monete e cannabis. Questi aspetti possono considerati come opportunità di medio-breve periodo, mentre le tendenze di lungo periodo come l’invecchiamento della popolazione sono già considerate nella parte core del portafoglio.

Si deve anche considerare se ora sia il momento giusto per fare la propria mossa. Il vantaggio va agli investitori che sono avanti nella curva. Coloro che sono market timer efficienti ottengono un’esposizione verso i mercati di nicchia prima che il prezzo venga inflazionato dai ritardatari. Inoltre, questi soggetti tendono anche ad uscire prima che il trend raggiunga il picco. Ad esempio, coloro che seguono le tendenze e acquistano titoli tecnologici perché erano in voga tra la fine del 1999 e gli inizi del 2000, sono rimasti scottati quando è scoppiata la bolla verso la fine di quell'anno.

 

Testare il portafoglio core-satellite

Sviluppare e testare un portafoglio core-satellite richiede molto più tempo rispetto al Compra e tieni. Idealmente, si svilupperanno regole strategiche per investire in satelliti per poi testare le proprie ipotesi utilizzando le serie storiche.

Ad esempio, potete scoprire che determinati indicatori macroeconomici sono storicamente correlati con uno specifico indice di un Paese che offre una performance migliore rispetto all’indice MSCI World. Gli indicatori positivi agiscono come un segnale di acquisto ed indicatori negativi agiscono come un segnale di vendita. Questa è una regola sistematica, qualora sia storicamente replicabile utilizzando di dati di mercato, e vi risparmia il dover confidare solo sul proprio istinto.

In alternativa, potete utilizzare i dati storici per valutare la capacità di determinate classi di attività di proteggere il vostro portafoglio da dannose condizioni di mercato. Ad esempio, l'azionario sull’energia è veramente buona copertura dall’inflazione? Più è lungo l’orizzonte della simulazione, migliori sono i dati, più vasta è la vostra conoscenza, più si è certi della validità della propria teoria. Tuttavia, nessun quantitativo di dati è in grado di prevedere il futuro, pertanto si deve sempre esser preparati alla possibilità che i vostri satelliti non riusciranno a battere il mercato. Per questo è importante mantenere un’allocazione core forte e robusta sospinta dalla diversificazione e da un approccio di investimento di lungo termine.

 

Non perdere di vista i rischi    

Se tutto ciò vi sembra scoraggiante, è un bene. La ricerca delle tendenze e del momento giusto può essere molto redditizia, ma richiede una considerevole conoscenza, abilità e nervi saldi per essere di successo nel lungo periodo. É per questo che la strategia core-satellite è molto interessante. Vi consente di testare le vostre capacità senza prendere rischi eccessivi in settori di nicchia. Evitando l’eccessiva concentrazione, è molto più probabile riuscire a gestire i satelliti più volatili. E’ importante ricordare che la diversificazione si basa sulla volatilità non correlata e se date uno sguardo da vicino alle vostre classi di attività potrete sfruttare le oscillazioni dei prezzi per poter acquistare ai minimi e vendere ai massimi. Rafforzate questa disciplina ribilanciando tra posizioni satellite e core quando vengono violate le soglie dell’asset allocation.

 

I costi possono abbattere facilmente i rendimenti

Gli ETF con flussi di cassa operativi bassi mantengono i costi sotto controllo ma raccolgono commissioni di negoziazione che sono ancora in grado di abbattere il rendimento. La soluzione migliore è quella di limitare il numero di ETF in portafoglio ed evitare di effettuare troppe negoziazioni. Potete facilmente sistemare la parte core con soli due ETF: uno azionario e uno obbligazionario. Mentre, potete adottare tre o quattro ETF per la parte satellite.

Ma la strategia core-satellite riflette il vostro stile? Si, se siete un investitore appassionato amate esprimere i vostri punti di vista sul mercato tramite il portafoglio e desiderate beccare la triade vincente di: migliore diversificazione, costi bassi e potenziali elevati rendimenti corretti per il rischio.

 

Vantaggi e svantaggi della strategia core-satellite a colpo d’occhio

Criterio Rating Motivo
Unica soluzione Elevato Seleziona core e satellite, scegliendo l’allocazione
Impegno continuo Medio Ribilanciamento di core e satellite
Ricavato Medio Uso tattico dei satellite
Ricerca/opinione di mercato Richiesto I satelliti giocano un ruolo nel medio-breve periodo
Periodo di detenzione Medio Obiettivo di investimento di successo nel medio termine
Facile da personalizzare Semplice Scommesse sui differenziali, evitare l’eccessiva concentrazione
Backtesting Costoso Difficile, suscettibile al data mining