I sette consigli per investire di John Bogle

justETF.com

L’imprenditore e scrittore statunitense John Bogle è diventato famoso come il primo fondatore di un fondo indicizzato. Di recente, l’autore bestseller ha riassunto le regole più importanti per investire in sette brevi consigli in un articolo sviluppato per il CFA Institute. La conclusione: la razionalità prevale sempre sull’emotività.

I sette consigli per investire di John Bogle Imparare dai migliori. Questa regola vale per la maggior parte degli aspetti della vita, e anche per gli investimenti. John C. Bogle può legittimamente essere annoverato tra i migliori. Nel 1999, è stato selezionato come uno dei quattro “Giganti degli Investimenti del Ventesimo secolo”, insieme a Warren Buffett, George Soros e Peter Lynch. Il “Padre dei fondi indicizzati” è il fondatore della società d’investimento “The Vanguard Group”, dove ha ricoperto la carica di Presidente per diversi anni. Oggi, questa società d’investimento rappresenta il secondo più grande gestore di fondi al mondo, amministrando un totale di tre trilioni di dollari statunitensi. La particolarità del Gruppo Vanguard è la struttura dell’azionariato. Gli azionisti di Vanguard sono i suoi stessi fondi, che sono posseduti dagli investitori. Pertanto, gli investitori sono i veri azionisti di Vanguard.

Bogle ha riassunto i suoi 65 anni di esperienza nel settore degli investimenti in poche regole d’investimento. I consigli che troverete di seguito derivano da un articolo che Bogle ha scritto di recente per il CFA Institute.

 

1. Investire è necessario

Il più grande rischio che gli investitori si trovano ad affrontare non è la volatilità di breve periodo, ma piuttosto il rischio di non ottenere un ritorno soddisfacente sul capitale che stanno accumulando.

 

2. Il tempo è tuo amico

Investire è un’abitudine virtuosa che è meglio coltivare il prima possible per poter ottenere il massimo beneficio dai rendimenti composti. Anche investimenti modesti effettuati nei primi 20 anni d’età sono destinati a crescere in maniera considerevole nel corso del tempo.

 

3. L’impulsività è tua nemica

Elimina l’emotività dalla pianificazione dei tuoi investimenti. Mantieni aspettative realistiche sui rendimenti attesi, ed evita di modificare le tue aspettative in base alle notizie che provengono dai mercati. Evita di agire su intuizioni che possono sembrarti uniche ma che in realtà sono condivise da milioni di persone.

 

4. L’aritmetica di base funziona

Il rendimento netto è semplicemente il rendimento lordo al quale vanno sottratti i relativi costi. Mantieni bassi i costi, in quanto costi che si accumulano nel tempo possono eliminare i benefici che ottieni dai rendimenti composti.

 

5. Prediligi la semplicità

L’investimento di base è semplice – un’allocazione ragionevole fra azioni, obbligazioni e liquidità; una selezione diversificata di titoli ordinari e di qualità; un bilanciamento sensato fra rischio, rendimento e, ancora una volta, i costi.

 

6. Mai dimenticare il ritorno alla media

Una performance brillante di un fondo comune d’investimento molto probabilmente ritornerà verso la performance media del rendimento del mercato, e spesso anche al di sotto. Ricorda l’ingiunzione Biblica “Così gli ultimi saranno primi e i primi ultimi” (Matteo 20:16, Bibbia di re Giacomo).

 

7. Sii coerente

A prescindere da quello che accade nei mercati, sii coerente con il tuo programa d’investimento. Cambiare la tua strategia al momento sbagliato può diventare il più grande errore che puoi commettere come investitore. (Chiedi agli investitori che hanno destinato una buona parte dei loro investimenti nella liquidità durante le fasi peggiori della crisi finanziaria, per poi perdere in parte o completamente il rialzo che abbiamo vissuto da otto anni- e che viviamo ancora.) “Sii corente” è il consiglio più importante che posso darti.

L’articolo completo di John Bogle può essere letto nel CFA Financial Analyst Journal.
 
Fonte Immagine: Vanguard