ETF e fondi indicizzati a confronto

justETF Logo

ETF o fondi indicizzati? In cosa si assomigliano e quali sono le differenze? Scopriamolo insieme.

ETF e fondi indicizzati a confronto In molti media i termini ETF e fondi indicizzati sono utilizzati come sinonimi. Tuttavia, anche se vi sono numerose similitudini tra questi prodotti, la realtà è molto più complessa. È vero che entrambe le tipologie di fondi replicano un indice con i minori costi di gestione possibili ed all'interno della struttura sicura di un fondo comune. Ma ci sono differenze soprattutto nella disponibilità per gli investitori privati.
 

In questo articolo rispondiamo a queste domande:

 

Quali sono le analogie tra ETF e fondi indicizzati?

Che cos'è un ETF? E cos'è un fondo indicizzato? Le differenze tra i due tipi di fondi sono più facili da comprendere se si conoscono i loro punti in comune:
  • Replica: I fondi indicizzati e gli ETF seguono un indice. Di solito si tratta di indici azionari, ma vi sono anche indici obbligazionari o panieri di materie prime costruiti come indici. Entrambi cercano a loro modo di riflettere il rendimento dell'indice nel modo più accurato possibile.
  • Costi: Poiché l'indice sostituisce il gestore del fondo sia nel caso degli ETF sia in quello dei fondi indicizzati, entrambi i tipi di fondi hanno pochi costi. Nella maggior parte dei casi, i valori dell'indice vengono semplicemente riprodotti nel portafoglio del fondo con la ponderazione corrispondente. In questo modo il rendimento si avvicina il più possibile a quello dell'indice.
  • Il lancio del fondo: la maggior parte degli ETF e dei fondi indicizzati viene lanciata da fornitori nei paesi dell'Irlanda e del Lussemburgo in conformità alle direttive UE sui fondi. Le basi giuridiche utilizzate dagli ETF e dai fondi indicizzati sono identiche.
  • ISIN: Naturalmente, tutti gli ETF e i fondi indicizzati hanno un numero di identificazione internazionale dei titoli, l'ISIN, attraverso il quale i fondi possono essere chiaramente identificati.
  • Gestione delle distribuzioni: Sia i fondi indicizzati che gli ETF sono disponibili nelle versioni a distribuzione e ad accumulazione.
 

Qual è la differenza tra fondi indicizzati ed ETF?

La principale differenza tra i fondi indicizzati e gli ETF è la disponibilità nei Paesi dell'Unione Europea.
 
È possibile acquistare e vendere ETF in borsa durante l'orario di negoziazione. In Europa esistono oltre 2.500 ETF quotati in borsa. Chi vuole operare solo su una piattaforma di trading nazionale può scegliere tra oltre 1.600 ETF. Vengono offerte numerose strategie e indici. L'unico requisito per accedere alla piattaforma di trading è un conto titoli.
 
Consiglio di justETF: Ricercate comodamente gli ETF con l'aiuto della Ricerca ETF o utilizzate le guide agli investimenti: si tratta di ricerche e studi su ETF pronte per l'uso divise per argomenti, indici e altri temi molto interessanti.
I fondi indicizzati, invece, sono offerti in quantità inferiori rispetto agli ETF nei Paesi dell'UE. Il motivo: i fondi devono essere acquistati tramite piattaforme speciali. Le piattaforme di fondi utilizzate a questo scopo sono ancora sotto l'influenza dell'industria dei fondi attivi, che gestisce il maggior numero di fondi in Europa rispetto agli ETF.
 
I fondi vengono acquistati o rimborsati al prezzo del giorno precedente, determinato una volta al giorno. Le quote sono anche facili da acquistare, il che ha reso i piani di risparmio (PAC) in fondi un prodotto popolare. Di solito le piattaforme di fondi non addebitano alcuna commissione di transazione visibile. Tuttavia, non sono piattaforme gratuite, perché vengono pagate con le elevate commissioni di gestione dei fondi attivi. Per offrire fondi indicizzati, le commissioni di gestione dei fondi indicizzati dovrebbero essere molto elevate. In alternativa, le piattaforme di fondi dovrebbero addebitare le commissioni di transazione, ma solo pochissime sono disposte ad adattare il proprio modello di business di conseguenza.
 
Pertanto, i fondi indicizzati sono per lo più utilizzati solo dai grandi investitori che possono acquistarli a condizioni individuali e non sono disponibili per la vendita libera. Tuttavia, non è impossibile investire in fondi indicizzati. Alcuni robo advisor utilizzano fondi indicizzati, in particolare quelli del fornitore Vanguard, che applica ai suoi fondi indicizzati prezzi altrettanto favorevoli di quelli degli ETF. 
 
 

In Europa gli ETF sono semplici fondi?

Solo negli ultimi 10 anni, grazie alle condizioni favorevoli offerte dai broker online, gli ETF hanno preso piede anche in Europa. Gli investitori - soprattutto in Germania e in Italia - hanno scoperto questo strumento di investimento trasparente, privo di commissioni ed equo per i piani di risparmio (PAC) in ETF, dando così il via a una tendenza a livello europeo.
 
Gli ETF hanno quindi preso il posto dei fondi indicizzati negli Stati Uniti. Sebbene è possibile negoziare in borsa gli ETF, anche con operazioni di trading nel breve periodo, gli ETF a basso costo sono altrettanto adatti come fondi per l'accumulo del patrimonio nel lungo termine. L'ampia offerta e la concorrenza tra i fornitori di ETF hanno ridotto notevolmente le spese correnti degli ETF a vantaggio degli investitori. In media, gli ETF azionari costano solo lo 0,23% in commissioni di gestione corrente (fonte: ricerca di justETF; al 31 agosto 2021).
 
Tuttavia, non è affatto facile per i fornitori distribuire gli ETF come i fondi tradizionali. Fortunatamente, alcune società di trading specializzate si sono fatte strada e, insieme ai broker online, hanno aperto la strada alle numerose e convenienti offerte di piani di risparmio (PAC) in ETF, anche in Italia. 
 
Lo sapevate già? Potete trovare facilmente il migliore broker online per il vostro acquisto di ETF con il nostro confronto dei broker online.
 

Da quando esistono i fondi indicizzati?

Se si guarda alle origini e alla storia dei fondi indicizzati, non si può non guardare agli Stati Uniti, perché è qui che nasce l'investimento indicizzato e quindi anche dei fondi indicizzati. L'attuale secondo gestore di fondi al mondo, Vanguard, ha lanciato il primo fondo indicizzato per investitori privati nel 1976. Il fondo indicizzato sull'indice statunitense S&P 500 è stato distribuito solo direttamente, in quanto i costi non consentivano commissioni di vendita per i consulenti finanziari. Il lancio ha richiesto molto tempo, ma è stato poi enormemente accelerato dall'introduzione del World Wide Web negli anni Novanta. Oggi, gli investitori privati hanno investito così tanto in Vanguard da farla diventare il più grande fornitore di fondi comuni di investimento al mondo, con quasi tutte le attività dei fondi gestite passivamente. Gli azionisti dei fondi Vanguard negli Stati Uniti detengono anche automaticamente azioni della società stessa - un caso unico al mondo - al fine di mantenere bassi i costi della società. Il fornitore di fondi Vanguard è stato fondato e costruito da John Bogle. Naturalmente, negli Stati Uniti i fondi indicizzati possono essere utilizzati anche nei ben noti e popolari piani di risparmio previdenziale statunitensi.
 
Questo sviluppo ha portato i fondi indicizzati ad avere uno status completamente diverso nei mercati anglosassoni come gli Stati Uniti o la Gran Bretagna rispetto all'Europa. Oggi i fondi indicizzati rappresentano circa un terzo del patrimonio dei fondi comuni di investimento negli Stati Uniti.
 
Gli ETF sono stati introdotti per la prima volta negli Stati Uniti nel 1993 e oggi sono ancora più popolari dei fondi indicizzati. Alla fine del 2020, oltre 5.000 miliardi di dollari statunitensi erano investiti in ETF. Se si sommano gli ETF e i fondi indicizzati negli Stati Uniti, entrambe le categorie rappresentano più della metà del patrimonio totale dei fondi. (Fonte: Annuario dell'Istituto ICI; al 31.12.2020).
 
In Europa siamo ben lontani da questa situazione: nel Regno Unito, i fondi indicizzati hanno una quota di mercato di circa il 19% (fonte: The Investment Association; al 30.11.2021). In altri Paesi, come la Germania, la Francia o l'Italia, l'offerta di fondi indicizzati è quasi invisibile e non figura nemmeno nelle statistiche ufficiali delle associazioni di fondi. I fondi indicizzati sono offerti direttamente solo ai grandi fornitori istituzionali in Europa, al di fuori del Regno Unito. Le poche offerte che possono essere utilizzate dagli investitori privati provengono da gestori patrimoniali, robo advisor e broker di fondi e richiedono commissioni aggiuntive.
 
 

La nostra conclusione

 Per gli investimenti a lungo termine e passivi, i fondi indicizzati sono altrettanto adatti degli ETF. Tuttavia, poiché in Europa non è possibile acquistare facilmente i fondi indicizzati senza commissioni aggiuntive, gli ETF hanno guadagnato consenso tra gli investitori attenti ai costi in Europa. E l'esperienza lo dimostra: Grazie ai moderni broker online, la gestione è ora altrettanto facile e poco costosa come quella dei fondi indicizzati negli Stati Uniti. Anche la sicurezza è identica: gli ETF sono fondi comuni di investimento regolamentati esattamente come i fondi passivi o attivi. Gli ETF rappresentano ancora meno del 10% del patrimonio totale dei fondi in Europa. Ma gli aumenti registrati soprattutto negli ultimi anni mostrano chiaramente che questa quota sta crescendo. E i dati degli Stati Uniti mostrano dove potrebbe arrivare il viaggio.
 
justETF consiglia il broker Scalable Capital per investire con successo in ETF
Annuncio pubblicitario
Scalable Broker
 
 
  • Nessuna commissione: piani di risparmio (PAC) gratuiti
  • Funzionalità all'avanguardia: Smart predict, avvisi sui prezzi e tanto altro
  • Ricevi gratis un ETF o un’azione di Tesla, Apple o Zalando all'apertura del conto
 
 
Diventa un esperto in ETF grazie alla nostra newsletter mensile
 
Iscriviti gratis ora